Puesia tistamentu di Bobby Sands

Publié le par U Spargugliatu

Ci hè una cosa in ogni core umanu
A voli cunosce o amicu ?
Chì hà pattutu tanti colpi dipoi l’iniziu
Ma chì firmerà fin’à l’ultimu.
 
Sbucciata prima chì u tempu fussi chjamatu
Hà presu fiatu è altezza
Strappatu tante catene
D’una cultellata spietata.
 
Dipoi i primi tempi
Hà incesu tante fiare quandu focu ùn ci era
Esaltendu l’anime di l’omi
Rinfurzendu i cori fatti di piombu.
 
Hà pientu assai accant’à Babilonia
Lampendu un stridu d’agunia è di zerga
Quandu tutti l’omini fubbini persi
S’hè dissanguinata nant’à a Croce.
 
Da a bestia, da a spada
Morse in Roma Via Appiana
Vestuta di sfida è di crudeltà, cun Spartacù
Quandu era chjamata à a morte.
 
Hà marchjatu accant’à i puvaràccii
S’hè sulcata in i so sguardi
Per rinvivisce fin’à a morte
Spavintendu i Rè è i Sgiò.
 
Hà surrisu carca di niscentrìa
Di fronte à i cunquistatori
Sottumessa è senza accorta
Di u putere fatale di l’oru.
 
Schjattò in i carrughji parigini
Per assaltà a vechj Bastiglia
Per arruvinà di i so passi
U capu di tanti sarpi.
 
Si n’hè morta di sangue nant’à e piane di Buffalo
Si n’hè morta di fame sott’à a luna è a pioce
Fù sipoltu u so core à Wounded Knee
Aspettendu u ghjornu di a so rinascita.
 
Accaliata, hà mughjatu a so rabbia
Vicinu à i lachi di Kerry
S’hè spenta fiera, carca à sfida
Mentre ch’elli a tumbavanu cun friddura.
 
Campa in ogni luce di speme
Senza farri ne fruntere
Hà crescitu in i cori rossi neri è bianchi
In ogni sterpa umana.
 
Riposa in ogni eroe mortu
Luce in l’ochji di i tirani
Più alta ch’è e cime e più alte
Strappa u celu più ch’è a saetta
 
SCHJARISCE I MURI DI STA CÀRCIARA
A so voce hè una tunizata
Sta cosa hè u sintimu fermu o amicu
Chì ti face dì "ÙN MI SBAGLIU".
 

 

Publié dans Adattazione

Commenter cet article